votami

Sito

sabato 4 dicembre 2010

pavlova

Ogni volta che al cane dobbiamo dare l 'uovo mi avanza l'albume. Con quello di ieri ne fatto una pavlova.
Ingredienti per 4 pavovle monoporzioni
3 albumi di uova categoria XL
75 gr di zucchero semolato fino
75 gr zucchero a velo setacciato

Preparazione
in un pentolino scaldare gli albumi a fuoco veramente moderato girando continuamente. Appena  tiepidi incorporare lo zucchero girando sempre e continuare a scaldare fino alla temperatura di 40-42 gradi. Versare il tutto in una planetaria e montare con la frusta fino a che non si raffredda. 

Se l'idea di mettere gli albumi sul fuoco non vi alletta allora fate sciogliere lo zucchero e quando fara' la schiuma versatelo a filo nella planetaria mentre gli albumi montano. Gli albumi sono montati bene se fanno il classico "becco d'oca" Oppure infilate una posata nella massa, se questa festa dritta "in piedi" gli albumi sono montati al punto giusto.
Versare il composto in una sacca da pasticciere e formate una spirale rotonda partendo dal centro. Beh! e' certo che non molto in comune con Giotto. Ma non vi preoccupate poi si rimedia.



 Fare dei bordi di rialzo sulla circonferenza. io ho fatto 2 giri.
Infornare a 85-90° C per 2 ore. E' consigliabile lasciare uno spiraglio dello sportello del forno aperto per permettere la fuoriuscita dell'umidita' che e' nemica delle meringhe. Saranno cotte quando risulteranno belle dure e croccanti




Come, dove e perché nasce questo dolce

Pavlova è una torta tipica dell'Australia e della Nuova Zelanda.
Questo dolce è stato creato nel 1935, dallo chef di un hotel a Perth, in onore della ballerina russa Anna Pavlova.
Costituita da un base di meringa, un ripieno di crema pasticciera, panna e frutta, è un dolce molto appariscente consigliato soprattutto per le grandi occasioni. Gli ingredienti possono variare in base ai gusti personali e alla stagione, ma è comunque richiesta una buona esperienza culinaria per la sua preparazione.

8 commenti:

honey82 ha detto...

Mmmh...adoro questo dolce Angy,lo feci tempo fa e ne rimasi "rapita"..
Complimenti,la tua è perfetta!!! ;-)
Un bacione e buona domenica Cara:-**

Lauretta and Mary ha detto...

Che bella :)! noi non abbiamo mai provato a fare meringhe &co. e onestamente abbiamo un po' di paura perchè non evendo il termometro non siamo sicure di riuscire a trovare la giusta temperatura dello zucchero :(

foodtravelandwine ha detto...

Me encanta la pavlova y nunca la he hecho...esta buenisima esta receta!!.....Abrazotes, Marcela

angicock ha detto...

Hony cara,
La tua pavlova come tutti i tuoi dolci, per me, sono fonte di ispirazione sono veramente meravigliosi.

Buona settimana e a presto

angicock ha detto...

Luretta Mary,
benvenuti nella mia cucina.
Non e' strattamente necessario avere un termometro per controllare la temperatura dello zucchero: e' pronto quando la superficie e' schiumosa e con tante bolle. Non nascondo che anche a me la pavlova faceva tanta paura, ma siccome dovevo buttare vli albumi ci ho provato e quando al dunque non e' poi così difficile come si crede. Provate sono certa riuscirete alla grande.
Buona settimane e a presto

angicock ha detto...

Hola Marcella
buoenos dias. ?todo bien?
Grazie della tua gradita visita.
Abrazotes

Piccolo Artista ha detto...

Ciao Angy, ma secondo sì può ridurre lo zucchero ? Può venire lo stesso buona?

angicoock ha detto...

Certamente che si, anzi direi che e' meglio.Spesso vengono un po' colorate non per l'eccesso di calore, ma perche' caramellano. Direi che puoi scalare fino a 60 semolato e 65 al velo
Un bacione